Elmetti bianchi

Elmetti Bianchi preparano provocazioni nell’Idlib siriano

Secondo le informazioni fornite dall’Intelligence Russa, gli attivisti dell’organizzazione Elmetti Bianchi stanno aiutando a preparare i siti per le provocazioni con l’uso di agenti tossici.

Elmetti Bianchi aiutano Jabhat al-Nusra a creare una provocazione con uso agenti tossici nella zona cuscinetto di Idlib

I militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham (uno dei nomi dell’organizzazione estremista Jabhat al-Nusra, che è fuorilegge in Russia) stanno tramando provocazioni con l’uso di agenti tossici nel sud della zona cuscinetto dell’Idlib in Siria, ha detto domenica Alexander Grinkevich, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti avverse in Siria.

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti avverse ha ricevuto informazioni dettagliate sulle attività che i militanti del gruppo terroristico Hayat Tahir al-Sham stanno preparando. Trattasi di una FALSE FLAG che incolperebbe il governo siriano sull’uso di agenti tossici sulla propria gente.

Provocazione che può avvenire nella parte meridionale della zona cuscinetto dell’Idlib”, ha detto in un briefing.


Il Kurdistan Siriano sempre più vicino alla Russia


Elmetti Bianchi collaboratori diretti per la preparazione di siti dove si realizzerano video falsi

Gli attivisti dell’organizzazione dei Elmetti Bianchi stanno aiutando a preparare i siti per le provocazioni con l’uso di agenti tossici. “Secondo le informazioni di cui disponiamo, gli attivisti della pseudo-organizzazione per i diritti umani Elmetti Bianchi stanno partecipando alla preparazione di siti per le provocazioni pianificate e alla realizzazione di video falsi“, ha detto Grinkevich.

Secondo Grinkevich, il loro piano è quello di simulare attacchi chimici negli insediamenti di Eriha e Besames.

Attacchi che dovrebbero partire in pochi giorni per dare la colpa dell’uso di armi chimiche contro i civili alle forze governative siriane.

In mano ai militanti ci sono 15 ordigni esplosizivi con una sostanza non identificata

Il centro di riconciliazione russo ha aggiunto che a luglio che i militanti hanno fabbricato almeno 15 ordigni esplosivi pronti all’uso.

Ordigni imbottiti di una sostanza non identificata per inscenare provocazioni negli insediamenti siriani.

Il centro di riconciliazione russo continua a svolgere i compiti assegnati dopo il completamento della campagna militare in Siria.

Gli ufficiali del centro viaggiano regolarmente nelle aree liberate del Paese per valutare la situazione umanitaria. I principali sforzi dell’esercito russo sono ora concentrati sull’assistenza ai rifugiati che ritornano alle loro case e sull’evacuazione dei civili dalle zone di de-escalation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.